FESTIVAL CAMPUS, IL FOCUS SUL NAPOLI TEATRO FESTIVAL DEL 30 GIUGNO

30.06.17

Bentornati per una nuova puntata di festival Campus. Siamo pronti a condurvi nel cuore del Napoli Teatro Festival con approfondimenti e interviste, dalle 11:00 alle 12:00 su Run Radio.

Dal 23 giugno al 4 luglio, presso il Teatro Civico 14 di Caserta, è in corso il laboratorio (a titolo gratuito) “La regola del gioco”, curato dall’attore e regista teatrale Andrea Renzi, che interverrà ai nostri microfoni in collegamento telefonico. Lo scopo di questo laboratorio del Napoli Teatro Festival Italia è un viaggio per approfondire le consapevolezze dell’attore nella relazione con gli strumenti di espressione. Raramente si offrono occasioni d’incontro e di studio svincolate dalla preparazione di uno spettacolo, dove gli interpreti possano interrogarsi su ogni aspetto del loro mestiere e sul linguaggio. Intorno al tema d’indagine proposto dalla direzione artistica, l’architettura della Reggia di Caserta, vengono individuate questioni tecniche, poetiche, artigianali che possano stimolare il gruppo di lavoro composto da giovani attori.

Il secondo focus è su “Forse non sarà domani”, spettacolo incentrato sulla vita e le canzoni di Luigi Tenco, il cantautore piemontese che insieme a Fabrizio De André, Bruno Lauzi, Gino Paoli e Umberto Bindi fu uno degli esponenti della cosiddetta scuola genovese. Tenco, censurato più volte nei suoi testi, era un cantautore impegnato ma – come spesso succede – solo post mortem se ne è compreso il talento. Stefano Valanzuolo ha diretto lo spettacolo “Forse non sarà domani” interpretato da Rocco Papaleo, che è ai nostri microfoni.

Chiudiamo la puntata di Festival Campus, come sempre, con la sezione Osservatorio del Napoli Teatro Festival 2017. Oggi vi proponiamo, come focus principale, “Ellis Island”, spettacolo di e con Maurizio Igor Meta in scena il 5 luglio alle ore 22:00, presso il Cortile delle Carrozze di Palazzo Reale a Napoli. L’opera teatrale mette in scena il viaggio dell’autore verso gli Stati Uniti per ripercorrere la medesima migrazione compiuta dal suo bisnonno nel 1890, che partì verso l’America in cerca di lavoro e nuove opportunità, trovandole nel suo contributo alla costruzione delle ferrovie della Pennsylvania Road. Maurizio Igor Meta mette in scena una drammaturgia che evoca la partenza, la migrazione e il ritorno alle origini, ed è con noi oggi – in collegamento telefonico – per raccontarci in prima persona Ellis Island.

 

COMMENTI

Vuoi dire la tua?