Scienza e fantascienza a Napoli: torna FuturoRemoto

08.11.18

L’8 novembre 2018 a Città della Scienza a Napoli parte la 32° edizione di FuturoRemoto, la rassegna sull’innovazione scientifica, tecnologica e sociale, frutto dell’iniziativa congiunta delle sette Università della regione Campania, del MIUR e della Fondazione Idis-Città della Scienza, sostenute dalle istituzioni locali e da tutti i principali centri di ricerca nazionali.

Il tema di questa edizione prende il nome di Ri-Generazioni e sarà affrontato nelle 12 aree tematiche allestite a Città della Scienza: Aerospazio, Design, Mezzi e sistemi per la mobilità, tanto per citarne alcune.

La manifestazione sarà ricca di laboratori, mostre e spettacoli: nelle 12 zone, ricercatori e studenti presenteranno al pubblico esperimenti e percorsi culturali: gli studenti della Scuola di restauro dell’Università degli Studi “Suor Orsola Benincasa” di Napoli mostreranno le tecniche di restauro delle tele, dei legni e di altri materiali;  ci sarà anche spazio, però, per giochi riservati ai più piccoli e concerti di musica classica.

 

La novità di quest’anno è che FuturoRemoto assume un carattere itinerante: alcuni eventi si svolgeranno, per esempio, all’Accademia delle Belle Arti o al Museo di Paleontologia della Federico II.

FuturoRemoto sarà a Napoli dall’8 all’11 novembre 2018 dalle 9 alle 17.

Alle 9.30 dell’8 novembre, il professore di Ingegneria dei Sistemi e dell’Automatica dell’Università Federico II di Napoli Bruno Siciliano, l’inventore Nicola Vitiello della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa e il giovane talento della robotica Valeria Cagnina taglieranno il nastro inaugurale.

Mediapartner dell’evento è RunRadio, la web radio dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli, che seguirà da vicino l’evento giovedì 8 e venerdì 9 novembre tramite l’inviato Marcello Polverino, studente del Master in Radiofonia dello stesso ateneo.

Per rimanere aggiornati, seguite la diretta su www.runradio.it

COMMENTI

Vuoi dire la tua?