RUN Radio Blog

// Tumifaicantare, #Italia

13.07.20 | in blog, news

Gli articoli di Run Radio continuano a tenervi aggiornati anche sotto l’ombrellone, come sempre ogni lunedì alle 11:00! #Italia, il format interamente dedicato alla musica italiana, segue per voi tutte le news e le ultime release del momento.

Ecco le novità di questa settimana!

Cominciamo dalle live. Purtroppo, la maggior parte delle date più attese per questa estate 2020 sono state rinviate alla prossima primavera. Tuttavia, alcuni artisti sono riusciti ad ottenere comunque la possibilità di esibirsi dal vivo, sebbene in condizioni particolari e con le dovute precauzioni per garantire la massima sicurezza. Tra questi anche Brunori Sas, ha annunciato quattro ‘Concertini Acustici’ che si terranno in location immerse nella natura. Le date:

Sabato 11 luglio 2020 || Champorcher (AO)

Venerdì 24 luglio 2020 || (RA) @ Ravenna Festival

Domenica 26 luglio 2020 || (UD) @ No Borders Music Festival

Domenica 2 agosto 2020 || (PG) @ Suoni Controvento

 

Restando in tema concerti arrivano novità dal Governo. Infatti, la Commissione Bilancio della Camera ha approvato un emendamento che prevede il rimborso in denaro dei biglietti comprati per i concerti cancellati causa Covid. Pare, quindi, che la soluzione precedentemente adottata dai grandi promoter, ossia quella dei voucher sostitutivi, sarà adesso rivista e nuovamente discussa in Parlamento. Secondo il presidente dell’autorità Roberto Rustichelli, “al consumatore, deve essere consentito di scegliere tra il rimborso monetario ed altre, eventuali, equivalenti modalità di compensazione”.

 

Altre novità arrivano direttamente dal mondo della discografia, perché Salmo ha fondato la sua etichetta, LEBONSKI 360°, in collaborazione con Sony Music Italy. Il progetto vede il rapper nei panni di guida artistica ma si svilupperà in più direzioni: dalla musica ai social, video, podcast, televisione, concerti. Si parla anche di un’academy per formare nuovi talenti. Intanto, a poche ore dall’annuncio, é già disponibile il primo singolo : TPS (Tutto può succedere), di DEIV, un musicista emergente dalle origini punk. “Questo pezzo è un incoraggiamento a chi si dà per vinto o sta per gettare la spugna invece di lottare. TPS è la rivincita contro chi dice che stavi solo perdendo tempo.”


Per quanto riguarda invece l’argomento più “caldo” dei tormentoni estivi, lo scorso 10 Luglio 2020 Margherita Vicario ha lanciato un nuovo singolo, in collaborazione con Izi. Si intitola “Piña Colada” e promette di farci ballare tutta l’estate con il suo ritmo in stile salsa e il timbro spagnoleggiante. Il feat sarà presentato dal vivo nel corso di un tour che si svolgerà da Luglio a Settembre. Alcune date per voi

Giovedì 16 luglio – Roma -

Giovedì 30 luglio – Modena –

Sabato 8 agosto – Mantova –

Giovedì 03 settembre 2020 – Rimini -

Venerdì 25 settembre 2020 – Torino -

 

Anche il nuovo bravo di Elettra Lamborghini e Giusy Ferreri, “La Isla”, continua a spopolare, specie sulla piattaforma social TikTok. Tantissimi utenti hanno già usato un estratto della canzone per i loro video. Le due cantanti hanno lanciato il trend definitivo in un video, i passi della coreografia #tumifaicantare challenge sulle note della loro nuova hit.

Per concludere diamo un’occhiata alle canzoni estratte dalla Top 10 delle hit di questa settimana!

10- TAKAGI E KETRA FEAT ELODIE-CICLONE

Il videoclip della canzone replica una delle scene più famose del film cult di Leonardo Pieraccioni, Il Ciclone, appunto. É già un grande successo! Lo stesso Pieraccioni, che appare al termine del video ha elogiato la cantante romana sui social è raccontato un aneddoto inedito delle riprese. “Mi ricordo che una delle ballerine mi disse: “non si può ballare sui sassi” io scherzando le risposi: “Pilar se non balli tu pigli una palata ni’ groppone”. La vidi andarsene tutta preoccupata. Finite le riprese si trattenne qualche giorno a Firenze e una sera la ospitai a dormire. Provai a bussare alla sua porta, la risposta fu fantastica: “se provi ad entrare ti do una palata ni’ groppone!””.

7) FEDEZ-BIMBI PER STRADA (CHILDREN)

Bimbi per strada (Children) il il pezzo simbolo dei millennial, Children di Robert Miles, rielaborato da Fedez, è una discreta fotografia emotiva della pandemia di Covid-19. É una visione suggestiva, una sorta di utopia, di un mondo al contrario, che obbliga “i grandi” a chiudersi in casa e i bambini a fare della città un po’ quello che vogliono. Racconta la storia di chi è costretto a sentirsi in pericolo fin da piccolo. Pur vivendo in famiglie benestanti, in case eleganti in un Paese tutto sommato ricco, civile e pacifico.

1)BOOMDABASH FEAT ALESSANDRA AMOROSO-KARAOKE

Una hit tutta made in Salento che pare inarrestabile. Ormai il brano ha conquistato il podio di tutte le più importanti classifiche italiane e ora si aggiudica anche il Disco D’oro. Il singolo rimane in prima posizione anche classifica FIMI/GFK, confermandosi il singolo più ascoltato e venduto della settimana. La band non poteva che celebrare i traguardi raggiunti anche sui social con un post dedicato proprio ad Alessandra Amoroso, amica del gruppo da anni, oltre che collega.

// Weekend Competition: Valentino Rossi continua!

10.07.20 | in blog, news, palinsesto

Amanti dello sport bentrovati ad una nuova puntata di Weekend Competition! Altro venerdì, nuovo giro di notizie, precisamente di motori. I campionati di Formula 1 e MotoGP sono ripartiti o quasi, le moto cominciano questo weekend da Jerez, ma il mercato non dorme mai nonostante le difficoltà economiche derivanti dalla quarantena.

Il mondo dei motori può tirare un sospiro di sollievo: Valentino Rossi continuerà a correre ancora per due stagioni, Dopo averlo visto allenare con la Ferrari GT3 a Misano, il fenomeno di Urbino non si ferma e continua almeno fino a quando avrà 43 anni. La Leggenda continua e vorrà ancora stupire, questa volta in compagnia del suo allievo Franco Morbidelli. Il Dottore correrà nel 2021, con possibilità di prolungare anche un’altra stagione, in sella alla scuderia satellite della Yamaha Petronas. VR46 continua a stupire insomma!

 

FORMULA 1: VETTEL DOVE VA?

Dopo il primo gp in Austria sul circuito della Red Bull, questo weekend si correrà ancora lì con la denominazione di “Gran Premio di Stiria”. La stagione 2020 è cominciata con le Mercedes ancora protagoniste e solo la penalità a Lewis Hmilton ha negato la prima doppietta. Valteri Bottas ha vinto senza problemi mentre il nuovo avanza: Charles Leclerc e Lando Norris hanno strappato il podio ai danni dell’inglese che ha contribuito all’uscita di scena delle Red Bull. Già, le Red Bull: lì dove Sebastian Vettel è esploso con 4 vittorie mondiali.

Il tedesco è arrivato 10° in Austria con diversi errori e una macchina con delle prestazioni negative ma ormai è arrivato il momento di girarsi intorno e giungere alla casa austriaca sarebbe la miglior opportunità. Le Mercedes per il 2021 restano al completo mentre Carlos Sainz prenderà il suo posto in Ferrari. Il mercato sorprende e non dorme mai e infatti un ex campione è pronto a tornare: Fernando Alonso torna in Renault e in F1. Magari in coppia con Hulkenberg oppure con Seb, per il quale farebbe carte false Lawrence Stroll per la scuderia: ma occhio anche all’ingresso dell’Aston Martin! Insomma tante possibilità e indiscrezioni che alimenteranno il mondo dei motori!

// BUONA LA PRIMA: L’AIDA DI VERDI ALL’APERTO E OMAGGIO A MIA MARTINI!

09.07.20 | in blog, news

LA RIPARTENZA DEL TEATRO MUSICALE A NAPOLI!
Ricomincia con spettacoli all’aperto il Teatro San Carlo dopo la lunga chiusura per l’emergenza, portando le migliori voci della scena lirica internazionale su di un palcoscenico di circa 1500 metri appositamente creato a Piazza Plebiscito, nel totale rispetto delle norme di sicurezza. Due “prove aperte” gratuite il 19 e il 25 luglio saranno dedicate esclusivamente a medici e infermieri che sono stati in prima linea durante l’emergenza. Ad esse seguiranno ben tre spettacoli aperti al pubblico e con prezzi contenuti: - dal 23 al 26 luglio alle 20 La Tosca di Giacomo Puccini con la partecipazione del soprano Anna Netrebko;- dal 28 al 31 luglio alle 20 l’Aida di Giuseppe Verdi (in forma di concerto) con protagonista Anna Pirozzi;- il 30 luglio alle 21 un’unica esecuzione della Nona di Beethoven.La musica torna a suonare dal vivo, ora sta a noi fare un piccolo passo verso di lei.

IL RITORNO DI “ARTE NAPOLI”!

Venerdì 3 luglio 2020, presso Castel dell’Ovo è stata inaugurata una mostra d’Arte contemporanea curata da Nicholas Tolosa e Roberto Esposito per l’Accademia dei Partenopei, intitolata: ‘Arte Napoli – II edizione’. La mostra, resterà aperta fino al 14 luglio dal lunedì al venerdì dalle 10:00 alle 13:00.  Il tema centrale dell’esposizione converge verso una Napoli multietnica, colorata e curiosa, da sempre un misto di mille razze e culture. Una città sempre pronta a insegnare le proprie diversità e ad imparare da quelle degli altri in un reciproco scambio culturale utilizzando il linguaggio universale dell’arte. Sarà posta l’attenzione nei confronti della relazione tra il singolo artista e il suo contesto di appartenenza, il tutto rappresentato da un paesaggio quanto da un volto: le emozioni, aldilà di tecniche e competenze, saranno le protagoniste di questo costruttivo confronto artistico ed umano. Ogni opera una finestra, che si affaccia nel e dal Castel dell’Ovo, che guarda e si fa guardare.

COSA GUARDARE IN TV: I NOSTRI CONSIGLI!

Giovedì 9 luglio su Rai 3 sarà trasmesso, alle ore 21:20, il docufilm di Indigostories “Mia Martini – Fammi sentire bella”, che ripercorrerà i momenti di maggiore rilievo della sua carriera. Nel docufilm e’ contenuto anche “Fammi sentire bella”, inedito di Mia Martini pubblicato postumo. Il racconto si snoda tra la viva voce di Mimì – in un’intervista con Lino Capolicchio e in un lungo intervento registrato per la radio e mai andato interamente in onda – e le immagini delle sue esibizioni.

“Mrs. Doubtfire – Mammo per sempre”: commedia del 1993 trasmessa alle 21:30 su Italia 1, sabato 11 luglio. Di seguito la trama: Daniel e Miranda divorziano e i figli vengono affidati a Miranda. Daniel li può vedere solo il weekend. Quando Miranda decide di cercare una governante, Daniel, che fa il doppiatore ed è abile in camuffare la propria voce, decide di travestirsi da signora per stare vicino ai figli.

Per gli amanti dell’horror, segnaliamo “The roommate: il terrore ti dorme accanto”, che andrà in onda domenica 12 luglio alle 21:20 su Rai 4: quando Sara si trova a dover affrontare l’inedita esperienza del college, tutte le sue insicurezze vengono fuori. A peggiorare le sorti della povera matricola si aggiunge anche l’abbinamento casuale che sceglie la sua compagna di stanza all’interno del dormitorio. La prescelta e’ Rebecca, una ragazza che fin da subito spaventa Sara con comportamenti poco ortodossi.

// Deep In The Music: un rapper alla casa bianca?

08.07.20 | in blog, news

Si rinnova l’appuntamento di Deep In The Music, il programma di Run Radio dedicato alla musica internazionale che vi farà compagnia ogni mercoledì alle 18:00.

DAVVERO KANYE WEST SI CANDIDERA’ COME PRESIDENTE DEGLI STATI UNITI? Il rapper statunitense Kanye West si lancia nella corsa alla presidenza degli Usa. Lo fa con un messaggio sul suo profilo Twitter, che conta quasi 30 milioni di follower. ”Ora – scrive il marito del personaggio televisivo Kim Kardashian – dobbiamo realizzare la promessa dell’America fidandoci di Dio, unificando la nostra visione e costruendo il nostro futuro. Corro per la presidenza degli Stati Uniti”. La candidatura ha già ricevuto il sostegno, sempre su Twitter, dell’imprenditore Elon Musk: “Hai il mio pieno sostegno”, scrive il patron di Tesla. Sarà vero o una semplice notizia per creare scalpore?

CONCERTI VIRTUALI. Dopo i vari concerti virtuali di Travis Scott e Diplo sul videogioco Fortnite in pieno periodo lockdown, pare che la musica stia prendendo sempre di più questa piega di smaterializzazione virtuale. Infatti lo scorso 21 giugno, il pioniere della musica electro dance Jean-Michel Jarre ha organizzato un concerto virtuale attirando centinaia di migliaia di visualizzazioni sia in VR che su YouTube, ha permesso ai fan che possedevano un headset di interagire l’uno con l’altro attraverso avatar. C’erano tutti gli elementi tipici dei concerti di musica elettronica: beat folli, luci psichedeliche e “pillole” che fanno cambiare il colore dello schermo, così da mandare il pubblico in trip digitale.

«Quando è arrivato il cinema, la gente pensava che fosse un trucco, come il circo», dice Jarre. «Non pensavano che sarebbe diventato arte, non lo capivano. Credo che qualcosa di simile stia accadendo con la realtà virtuale». La musica sta andando di pari passo all’evoluzione tecnologica, che stia cambiando ancora una volta il mercato musicale? Staremo a vedere.

IL CONCERTO PER RINGOSTAR. Paul McCartney, Sheryl Crow, Joe Walsh, Ben Harper, Gary Clark Jr., Elvis Costello. Sono questi alcuni dei nomi che hanno partecipato al “Ringo’s Big Birthday Show”, evento speciale organizzato per festeggiare il compleanno del batterista dei Beatles, che ieri 7 luglio ha spento 80 candeline.

Lo show, che è andato in onda su YouTube il 7 luglio, raccoglierà fondi per Black Lives Matter, The David Lynch Foundation, MusiCares e WaterAid. Tra gli ospiti ci sono stati anche Jeff Bridges, Jackson Browne, Steve Earle, Peter Frampton, Michael McDonald e Willie Nelson.

«Come sapete tutti, amore incontrare i fan per festeggiare il mio compleanno», ha detto Ringo. «Ma quest’anno vorrei che tutti restassero al sicuro a casa, quindi ho chiamato un po’ di amici e abbiamo organizzato un grande show con bella musica. Spero che veniate tutti».

 

TOP 3 INDIE:

1) ERNIA – SUPERCLASSICO

Melodico, orecchiabile e irresistibilmente ironico, Superclassico si candida a essere una perfetta colonna sonora del momento grazie all’azzeccata metafora che paragona i tradizionali tira-e-molla di un amore tormentato a un derby di coppa, un “superclassico” in gergo calcistico, appunto. Grazie al sound a cura di Marz e Zef e a un ritornello trascinante, Superclassico è un brano non convenzionale e difficile da dimenticare.

2) FRAH QUINTALE – AMARENA

Una canzone dalle sonorità pop che suona assolutamente fresca, nella quale emerge in modo esplosivo il gusto musicale, l’originalità e la personalità del cantautore italiano. Un brano che arriva all’esordio dell’estate, che dipinge immagini di vacanze italiane, da ballare e da cantare.

3) AIELLO – VIENIMI (A BALLARE)

Il brano riporta il cantante alle sue radici, la Calabria. Nel brano, le origini meridionali, l’autenticità del cantautorato italiano, i suoni street contemporanei e il ritmo delle musiche popolari latine, si fondono in un mix di sonorità nuove e potenti. L’artista racconta la voglia di superare le storie finite, il desiderio di libertà, di una nuova leggerezza, l’inizio di un’estate speciale, un’Estate Meridionale.

TOP 3 USA:

1) DABABY FT. RODDY RICCH – ROCKSTAR

Il brano è estratto dell’album intitolato “BLAME IT ON BABY”, il terzo in studio, a cui hanno partecipato artisti del calibro di Future, Quavo, Megan Thee Stallion, YoungBoy Never Broke Again, A Boogie wit da Hoodie e Ashanti. Ad anticipare il disco il singolo “FIND MY WAY”, accompagnato da un mini film di 10 minuti diretto da Reel Goats che ha già superato 11 milioni di visualizzazioni su YouTube.

2) MEGAN THEE STALLION FT. BEYONCE – SAVAGE

Remix del brano trend sulla piattaforma TikTok, che vede la collaborazione di una delle più grandi popstar del mondo. I guadagni del remix realizzato dalle due cantanti texane sarà devoluto in beneficenza per la realizzazioni di cliniche e ospedali per l’emergenza COVID.

3) THE WEEKND – BLINDING LIGHTS

In questo brano dalle sonorità degli anni ’80, il cantante canadese prega la sua amata di non lasciarlo, perché solo lei è in grado di salvarlo e di insegnargli ad amare. È una dichiarazione d’amore in cui The Weeknd afferma che senza di lei non riesce a vedere bene intorno a sé, non è in grado di addormentarsi e la città gli sembra deserta.

 

 

 

 

 

// Perché “Il colibrì” ha meritato il Premio Strega 2020

08.07.20 | in blog, news

Il mercoledì di RunRadio si apre con #Booklovers, il nostro programma dedicato ai lettori e ai libri.

Sandro Veronesi è il vincitore del Premio Strega 2020, annunciato la notte del 3 luglio, con il suo libro “Il colibrì”, edito da “La nave di Teseo”, salito al podio con 200 voti. È  stata una doppietta per l’autore, che già nel 2006 aveva trionfato con il romanzo “Caos calmo”. Dato per favorito già dagli esordi, perché il colibrì ha riscosso tanto successo tra critici e lettori? Forse perché è la storia di vita vera di cui tutti avevamo bisogno.

“…tu sei colibrì perché come il colibrì metti tutta la tua energia nel restare fermo”.

Marco Carrera è il colibrì. La sua è una vita di continue sospensioni ma anche di coincidenze fatali, di perdite atroci e amori assoluti. Non precipita mai fino in fondo: il suo è un movimento incessante per rimanere fermo, saldo, e quando questo non è possibile, per trovare il punto d’arresto della caduta – perché sopravvivere non significhi vivere di meno. Intorno a lui, Veronesi costruisce un mondo intero, in un tempo liquido che si estende dai primi anni settanta fino a un cupo futuro prossimo, quando all’improvviso splenderà il frutto della resilienza di Marco Carrera: è una bambina, si chiama Miraijin, e sarà l’uomo nuovo.

“Il colibrì” di Veronesi, come ha dichiarato il suo autore, è dunque «il simbolo dei guerrieri, di chi non si arrende». L’intera opera è una storia di resistenza al dolore e e di reazione alle perdite, che ci insegna a sopravvivere alla vita e a restare saldi nonostante la potenza degli eventi che ci travolgono. Un libro che non consola, ma che mostra quanto la tenacia e la resistenza possano guidare alla speranza per un futuro migliore.

Per saperne di più, seguiteci su www.runradio.it e sulle nostre pagine social FacebookInstagram

// Tutti al mare con le news musicali di #Italia

06.07.20 | in blog, news

La settimana di Run Radio riparte, come ogni lunedì alle 11:00, con #Italia, il format interamente dedicato alla musica italiana.

Ecco tutte le novità!

Dall’Imu alla carta d’identità, al bonus musica: le novità del decreto Rilancio

Nella “volata” verso il via libera in prima lettura alla Camera il decreto Rilancio preme sul fronte dei bonus. Dal contributo di 200 euro una tantum per le lezioni di musica per i figli under 16, per i nuclei con Isee sotto i 30 mila euro, allo sconto fino al 20 per cento delle aliquote e delle tariffe delle entrate tributarie e patrimoniali.Sono due delle novità introdotte con due emendamenti al provvedimento, nel passaggio in Commissione Bilancio di Montecitorio.

Un primo emendamento, a prima firma Mancini (Pd) e sottoscritto dagli altri gruppi, istituisce un bonus di 200 euro per lezioni musica under 16. L’aiuto viene erogato a condizione che il pagamento sia tracciabile e che l’iscrizione ai corsi di musica sia precedente al 23 febbraio di quest’anno. Vale anche per chi si iscrive a bande e cori.

 

Tutti gli importanti ritorni e gli altrettanti interessanti debutti musicali di questo settimo mese dell’anno:

“Luglio col bene che ti voglio” cantava Riccardo Del Turco nell’estate del ’68, in un momento storico così incerto torniamo a proporvi le consuete uscite degli album italiani previste per il mese di Luglio 2020. In un’estate senza concerti, in questa timida ripartenza, le risorse dell’industria discografica si concentrano sui progetti musicali a partire da mercoledì 1 con “Pezzi di vetro“, l’Ep che ha segnato il ritorno del rapper Gianluca Iannetti, alias Grein che arriva a un anno di distanza dalla pubblicazione del suo album d’esordio “MCMXCIX”.

Per venerdì 3, invece, abbiamo assistito  ai ritorni di Giacomo Giuseppe Romano, in arte Jake The Smoker, con “Ho fatto tardi“ e il quarto lavoro in studio di Chiara Galiazzo, intitolato “Bonsai (come fare le cose grandi in piccolo)“, impreziosito dalla presenza di nove tracce inedite, anticipato dal singolo “Non avevano ragione i Maya“ e dai precedenti “L’ultima canzone al mondo“ e “Pioggia viola“ feat. J-Ax.

Infine, a chiudere la lista di uscite già ufficializzate di questo Luglio 2020 è “Caldo“, il primo album realizzato in coppia da Mambolosco e Boro Boro, reduci dai positivi consensi di “Twerk” e “Lento”. Questo è quanto già annunciato, in attesa di ritrovarci a settembre con una sostanziale incetta di nuovi lavori di cui parlare, tutti da ascoltare.

 

Per concludere diamo un’occhiata alla Top 3 delle hit di questa settimana!

 

1)MEDITERRANEA- IRAMA

Brano che vuole comunicare in modo semplice qualcosa di profondo al pubblico. Irama  sceglie uno stile declamatorio molto immediato, proprio per consentire una comprensione a più persone possibili.

Irama sembra evocare una notte di festa: non è preciso né specifico per quanto riguarda l’ambientazione del brano, ma è chiaro che si tratta di un contesto leggero dove ci si può abbandonare liberamente alla musica. I ritmi incalzanti scelti per accompagnare le parole sembrano confermare quest’ipotesi.

 

2)BALLA PER ME – JOVE FEAT TIZIANO FERRO

Il brano sembra una celebrazione della vita e della musica, sembra trasmettere il messaggio che nei momenti più bui e tristi, bisogna liberare la mente e ballare, ballare e ballare. Il ballo viene visto come una sorta di terapia.

 

3)KARAOKE- BOOMDABASH FEAT ALESSANDRA AMOROSO

Un singolo con un significato e un messaggio molto importante: “Karaoke è un inno alla vita, un grido di speranza connotato da una passionale voglia di rinascita, come se fosse il primo giorno di una nuova estate.

 

// WEEKEND COMPETITION: il punto sul calciomercato tra ufficialità e rumors

03.07.20 | in blog, news

Se nel mondo non fosse scoppita la terribile pandemia da Covid-19, a quest’ora saremmo già nel vivo del calciomercato. La finestra estiva per i trasferimenti, infatti, sarebbe dovuta iniziare lo scorso 1 luglio, ma a causa del virus è stato scelto il 1 settembre come prmo giorno utile per completare i trasferimenti. Il nuovo gong finale, invece, sarà il prossimo 5 ottobre: la sede selezionata corrisponde all’Hotel Sheraton di Milano.

Tuttavia, persino mentre il pallone di cuoio non rotolava sui verdi prati che tanto ci stanno a cuore, il mercato andava avanti ed ancora va. Di colpi, sia piccoli che ad effetto, ne sono già arrivati: l’Inter ha beffato la concorrenza della Juventus ed ha strappato Achraf Hakimi al Real Madrid per 40 milioni di euro, assicurandosi uno dei terzini più promettenti di tutto il panorama calcistico internazionale. I bianconeri, tuttavia, sono tutt’altro che immobili: è ufficiale anche lo scambio tra centrocampisti con il Barcellona, che coinvolge il bosniaco Miralem Pjanic ed il brasiliano Arthur. E continuando su questa via, il Barça non ha ancora mollato l’attaccante nerazzurro Lautaro Martinez, trovandosi ora a dover risolverelo spinoso “caso Griezmann”.

Ed il Napoli? Eppur si muove. Victor Osimhen, centravanti del Lille, è già da diversi giorni in terra partenopea e dunque si attende solo un accordo formale tra le parti. Occhi vigili sempre su Gabriel, difensore centrale del Lille, e Dominik Szoboszlai, centrocampista classe 2000 che interessa anche a Milan e PSG. Infine, per rimpiazzare il partente Callejon, si guarda a Cengiz Under e Jeremie Boga, esterni rispettivamente di Roma e Sassuolo. La trattativa per il turco appare più fattibile, avendo i giallorossi già messo le mani su Pedro del Chelsea.

 

 

 

 

 

 

 

Anche all’estero si muovono le prime pedine: Leroy Sané è ufficilamente, dopo più di un anno di corteggiamenti, un giocatore del Bayern Monaco. Edinson Cavani lascerà il PSG prima della ripartenza della Champions League, diventando una ghiotta occasione a costo zero. Nella capitale francese, il primo obiettivo per il centrocampo è sempre Sergej Milinkovic-Savic, ma la Lazio non sembra avere la minima intenzione di privarsene. In conclusione, dalla Spagna riportano un nuovo interesse del Real Madrid nei confronti di Nicolò Zaniolo, talento in forza alla Roma.

Con l’arrivo dell’estate tutto si fa più rovente, compreso il calciomercato. E chi si aspettava una finestra di trasferimenti senza colpi sensazionali, a causa della “crisi” generata dalla pandemia, ha ancora tempo per cambiare idea…

// BUONA LA PRIMA: TRA COLORFUL OSCAR E AMERICAN GRAFFITI!

02.07.20 | in blog, news

SERIE TV IN USCITA!

Su Netflix, dal 3 luglio sarà disponibile la prima stagione di Ju-On: Origins. La serie tv parla di Odajima, un investigatore paranormale che si ritrova a seguire la vicenda di una casa nella quale si manifestano fenomeni paranormali. Scoprirà ben presto che questo luogo è stato marchiato da una maledizione. Per scoprire la verità si ritrova ad investigare con Haruka, una star del mondo dello spettacolo che da un po’ di tempo sente, ogni notte, qualcuno camminare dentro la sua abitazione.

Arriva su un’altra piattaforma, Amazon Prime Video, la prima stagione di Little Fires Everywhere. La trama, ambientata a Shaker Height in Ohio, segue i destini intrecciati dei Richardson, una famiglia apparentemente perfetta, e di un madre, Mia, e sua figlia che finiscono per sconvolgere la loro esistenza. Secondo le anticipazioni, la storia esplora il peso dei segreti e affronta temi quali la natura dell’identità, dell’arte e il carattere feroce che può accompagnare la maternità. A tutto ciò si affianca anche la credenza pericolosa secondo cui seguire le regole può scongiurare qualsiasi disastro.

Infine vi proponiamo una delle serie più attese, Gangs of London, disponibile dal 6 luglio su Sky Atlantic. Creata da Gareth Evans e Matt Flannery, la storia è ambientata in una Londra odierna, che diventa teatro di uno scontro tra gang rivali e organizzazioni criminali.

#OscarSoColorful 

L’Academy of Motion Pictures, Arts and Sciences porterà a 10740 il totale delle persone votanti per gli Oscar. Infatti, per evitare che l’hashtag #OscarsSoWhite metta in imbarazzo l’organizzazione com’è già avvenuto in passato, 819 nuovi lavoratori del mondo del cinema sono stati invitati a diventare membri della commissione: di questi il 49% non è americano, il 45% appartiene al sesso femminile, il 36% rappresenta etnie non adeguatamente prese in considerazione in passato.

Tra costoro spiccano nomi a noi familiari. Pierfrancesco Favino è l’unico italiano tra gli attori a raggiungere la triade Giancarlo Giannini, Toni Servillo e Carlo Verdone, già invitata l’anno scorso. È un piacere, inoltre, scorrere la lista e trovare tre registe del nostro cinema (Francesca Archibugi, Cristina Comencini e Maria Sole Tognazzi) e diversi compositori musicali, costumisti, montatori, scenografi, tecnici del suono, produttori. A loro si aggiungono il direttore della Mostra di Venezia Alberto Barbera, il neo direttore del Festival di Berlino Carlo Chatrian e tutti coloro che hanno vinto in passato una statuetta, ricevuto una nomination o anche soltanto un invito.

Tanti nuovi membri, insomma, per un Oscar meno “white” e più “colorful”!

I CONSIGLI DELLA SETTIMANA: I FILM A TEMA ESTATE!

Ogni tanto fa bene fare un tuffo nel passato  e quindi oggi vogliamo consigliarvi due film a tema estate di qualche anno fa! Iniziamo con American Graffiti del 1973, prodotto da Francis Ford Coppola e diretto da George Lucas. Altro film culto e nostalgico sul tema del passaggio dall’adolescenza all’età adulta. Racconta le disavventure di una notte dell’estate del 1961 di quattro amici prima della loro partenza per il college. È il film che ha delineato le caratteristiche tipiche di tutti i film adolescenziali che sono venuti dopo.

Un film un po’ più vicino ai giorni nostri è 500 Days of Summer. E’ tra due estati che invece si consuma lo sfortunato amore di Tom per in (500) giorni insieme. Lui è un romanticone che crede nei colpi di fulmine e nell’amore predestinato, mentre lei è più concreta, ma indecisa e anche un pochino capricciosa. Il titolo originale del film, diretto da Marc Webb nel 2009, è tutto un programma: (500) Days of Summer (Summer è infatti anche il vero nome di Sole).

 

 

// Deep In The Music: il ritorno di Miley Cyrus

01.07.20 | in blog, news

Si rinnova l’appuntamento di Deep In The Music, il programma di Run Radio dedicato alla musica internazionale che vi farà compagnia ogni mercoledì alle 18:00.

I BET AWARDS 2020, ECCO I NOMI DEI VINCITORI: Durante le ventesima edizione dei BET Awards, i premi della Black Entertainment Television che celebrano le eccellenze afroamericane nel mondo dello spettacolo e dello sport Roddy Ricch ha portato a casa il premio per l’Album dell’Anno (Please Excuse Me for Being Antisocial), Megan Thee Stallion è stata incoronata migliore artista hip-hop femminile e Lizzo è stata insignita del premio come miglior artista femminile R&B/Pop. La serata è stata arricchita da video-performance di Lil Wayne, Alicia Keys, Megan Thee Stallion, Roddy Ricch, Chloe X Halle, DaBaby, Jay Rock, Jennifer Hudson, Questlove, Nas, Usher, YG e molti altri. Beyoncé è stata premiata con il riconoscimento umanitario e Wayne Brady ha reso omaggio al compianto Little Richard. Lil Wayne ha celebrato Kobe Bryant, morto a gennaio in un tragico incidente in elicottero, con una versione aggiornata della sua traccia del 2009, che porta il nome della stella dell’NBA. Il brano è stato eseguito per ricordare coloro che sono morti nel corso dell’anno. Durante lo show, il rapper ha parlato dell’eredità del campione e parlato direttamente alla sua famiglia. DaBaby ha reso omaggio a George Floyd e ha incanalato le proteste a livello nazionale con la hit Rockstar. Il rapper ha iniziato la sua esibizione a terra, con il ginocchio di un agente bianco seduto sul collo. La ricreazione del video del soffocamento di Floyd è stata accompagnata da un verso sull’esperienza di DaBaby con la brutalità della polizia e il racial profiling che si trova ne “Black Lives Matter Remix” della canzone. La clip prosegue con DaBaby circondato da manifestanti mentre canta di fronte a un’auto della polizia in fiamme. Sull’auto a un certo punto sale anche Roddy Ricch. In apertura dell’evento, i Public Enemy hanno ricreato il video di Fight the Power con filmati delle proteste dopo la morte di George Floyd. Nell’aggiornamento del brano, l’iconico gruppo rap è stato affiancato da altri artisti come Chuck D e Flavor Flav, che hanno fatto da collegamento tra i versi aggiuntivi della canzone. Anche Nas, Rapsody, YG, Black Thought e Questlove dei The Roots e Jahi di Public Enemy Radio si sono uniti al team stellare di leggende e nuovi arrivati ​che hanno aggiunto nuovi testi relativi al movimento Black Lives Matter e alle proteste che si sono verificate in tutto il paese per settimane in risposta alla morte di George Floyd, Breonna Taylor, Tony McDade e altre vittime nere uccise da agenti di polizia. “They say a suicide when dead bodies are swinging / Cowards are hunting Black men that’s what I’m seeing”, rappa Nas, mentre Rapsody invoca i retroscena dietro le uccisioni di Floyd, Taylor e Rayshard Brooks.

NIRVANA, DAL 2 LUGLIO A FIRENZE LA MOSTRA ‘KURT COBAIN AND THE GRUNGE REVOLUTION’: Si aprirà il prossimo 2 luglio a Palazzo Medici Riccardi, in via Cavour 1, a Firenze, la mostra “Come as you are – Kurt Cobain and the Grunge Revolution”, esposizione di oltre ottanta fotografie – in parte inedite – scattate da Charles Peterson e Michael Lavine ai Nirvana: la mostra, che ripercorre per immagini l’intera carriera della band simbolo della scena di Seattle nei primi anni Novanta, include anche scatti degli altri protagonisti della nascita del grunge come Pearl Jam, Soundgarden e Mudhoney. “Per raccontare l’avventura di Kurt Cobain, dei Nirvana e il grunge abbiamo scelto le fotografie di Michael Lavine e di Charles Peterson non solo perché sono alcune delle più iconiche ma anche perché, meglio di chiunque altro, i loro lavori restituiscono quello che era il clima culturale nella mitica Seattle anni ’90″, ha spiegato Vittoria Mainoldi, curatrice della mostra per ONO arte contemporanea: “Il percorso espositivo, che compenetra perfettamente i bianconeri di Peterson con i colori pop di Lavine, segue quella che è la cronologia della band, partendo dai primi anni, quando al posto del batterista Dave Grohl c’era Chad Channing, fino a quelli del successo internazionale per concludersi con una sezione dedicata ad altri gruppi che hanno popolato la scena musicale grunge”.

L’ESIBZIONE DI MILEY CYRUS AI GLOBAL GOAL: Global Goal: Unite for Our Future è andato in onda sabato 27 giugno in oltre 180 Paesi e ha visto la partecipazione di un’altra line-up stellare fatta di musicisti e celebrità. One World aveva raccolto 127,9 milioni di dollari, l’obiettivo di Global Goal è invece assicurarsi che i test per il Covid-19, le cure e i vaccini siano resi disponibili a tutti. Alla fine, Global Citizen ha raccolto nel complesso promesse di donazioni per 6,9 miliardi di dollari da parte di aziende, fondazioni e governi, compresi tutti quelli del G7.

Una delle star coinvolte in Global Goal è Miley Cyrus. La sua cover di Help!, cantata al centro di uno stadio vuoto, il Rose Bowl di Pasadena, California, citava la versione del classico dei Beatles che Dolly Parton ha fatto nel 1965. Per rendere ancora più chiaro il messaggio, la parola “Help!” era scritta a caratteri giganteschi sul campo da gioco, con Miley che cantava all’interno del punto del punto esclamativo. «Non vogliamo tornare alla normalità», dice Cyrus, «non vogliamo la società che c’era prima del Covid. Vogliamo un mondo più giusto ed equo. Tutti meritano cure mediche, indipendentemente dal colore della pelle, da come si identificano, da dove provengono o da quanto guadagnano».

Poiché il Covid-19 ha un impatto sproporzionato sulle comunità emarginate e su quelle di colore negli Stati Uniti e in tutto il mondo, secondo Evans vaccini e trattamenti devono essere prontamente disponibile per tutti. «Se vogliamo seriamente vedere un modo davvero aperto, dobbiamo sconfiggere il “nazionalismo dei vaccini” e fare in modo che tutti nel pianeta abbiano accesso al vaccino».

Oltre a essersi esibita, Cyrus ha anche partecipato al summit pre-concerto e ha detto di voler rappresentare l’energia che le persone della sua generazione e quelle più giovani di lei investono nella risoluzione della crisi. «La mia generazione vuole il cambiamento e, per certi versi, lo sta guidando», dice la cantante. «I giovani usano la loro voce ogni singolo giorno per chiedere un mondo giusto ed equo. Questo attivismo deve portare a un cambiamento duraturo, anche se ci vorrà del tempo per arrivarci. Mi sento parte di questo sforzo e perciò mi informo. Credo davvero che la nostra voce collettiva farà la differenza».

Ora diamo un’occhiata alle classifiche!

TOP 3 INDIE:

1) PINGUINI TATTICI NUCLEARI – RIDERE

Dopo lo straordinario successo di RINGO STARR, certificato disco di platino, con cui la band ha raggiunto il podio alla 70esima edizione del Festival di Sanremo, i Pinguini Tattici Nucleari tornano a sorprendere con una nuova perla. RIDERE è un pop nostalgico, che omaggia tutte le piccole e grandi cose che continuano ad esistere anche dopo la fine di una relazione.

2) ERNIA – SUPERCLASSICO

Melodico, orecchiabile e irresistibilmente ironico, Superclassico si candida a essere una perfetta colonna sonora del momento grazie all’azzeccata metafora che paragona i tradizionali tira-e-molla di un amore tormentato a un derby di coppa, un “superclassico” in gergo calcistico, appunto. Grazie al sound a cura di Marz e Zef e a un ritornello trascinante, Superclassico è un brano non convenzionale e difficile da dimenticare.

3) CANNELLA – TI VOLEVO RACCONTARE

Ecco il nuovo singolo del cantautore Cannella. Una canzone introspettiva dove, per la prima volta, Cannella parla di sé in prima persona e con delle sonorità estive anche se il cantante non ama etichettare questa canzone come brano estivo. Così lo definisce l’artista: “Ti volevo raccontare è un pezzo non estivo perfetto per l’estate, perché si può ascoltare benissimo al mare, è orecchiabile e canticchiabile, ma c è anche tanto di me e penso vada ascoltato con attenzione. Sicuramente una valida alternativa alle hit estive, dai!”.

TOP 3 UK:

1) DABABY FT. RODDY RICCH – ROCKSTAR

Il brano è estratto dell’album intitolato “BLAME IT ON BABY”, il terzo in studio, a cui hanno partecipato artisti del calibro di Future, Quavo, Megan Thee Stallion, YoungBoy Never Broke Again, A Boogie wit da Hoodie e Ashanti. Ad anticipare il disco il singolo “FIND MY WAY”, accompagnato da un mini film di 10 minuti diretto da Reel Goats che ha già superato 11 milioni di visualizzazioni su YouTube.

 

2) LADY GAGA FT. ARIANA GRANDE – RAIN ON ME

Il nuovo brano di due star della musica pop internazionale che sta scalando le vette delle maggiori classifiche mondiali, risultando il brano più ascoltato del momento nel mondo. Le due popstar statunitensi entrambe di origini italiane hanno realizzato un video particolare e variopinto.

3) TOPIC FT. A7S – BREAKING ME

Il nuovo singolo del produttore tedesco TOPIC in collaborazione con l’enigmatico producer svedese A7S, sta crescendo ogni giorno! Un successo assicurato che con 184 milioni di stream e 15 milioni di views ha fatto il giro del mondo, conquistando anche le classifiche radio in UK, USA, Australia e gran parte dell’Europa. Diventata virale su Spotify, è tra i brani più cercati su Shazam.

 

 

 

 

// I libri sotto l’ombrellone di luglio 2020

01.07.20 | in blog, news

#Booklovers, il nostro format dedicato ai libri, apre il mercoledì di RunRadio!

Luglio è iniziato, le vacanze si avvicinano e cresce la voglia di libri da leggere in spiaggia, per rilassarsi tra un tuffo e una partita di volley: ma quale scegliere? Vi proponiamo 5 best seller di recente uscita, che vi faranno ridere ma anche riflettere sotto i raggi di sole di questo luglio 2020.

1) Cambiare l’acqua ai fiori - Valérie Perrin

“Un romanzo sensibile, un libro che vi porta dalle lacrime alle risate con personaggi divertenti e commoventi”. Violette Toussaint è guardiana di un cimitero di una cittadina della Borgogna. Ricorda un po’ Renée, la protagonista dell’Eleganza del riccio, perché come lei nasconde dietro un’apparenza sciatta una grande personalità e una storia piena di misteri. Durante le visite ai loro cari, tante persone vengono a trovare nella sua casetta questa bella donna, solare, dal cuore grande, che ha sempre una parola gentile per tutti, è sempre pronta a offrire un caffè caldo o un cordiale. Un giorno un poliziotto arrivato da Marsiglia si presenta con una strana richiesta: sua madre, recentemente scomparsa, ha espresso la volontà di essere sepolta in quel lontano paesino nella tomba di uno sconosciuto signore del posto. Da quel momento le cose prendono una piega inattesa, emergono legami fino allora taciuti tra vivi e morti e certe anime che parevano nere si rivelano luminose.

2) L’invenzione di noi due – Matteo Bussola

Matteo Bussola racconta un amore. Forte, sciupato, ambiguo, indispensabile. Come ogni relazione capace di cambiarci la vita. «Cominciai a scrivere a mia moglie dopo che aveva del tutto smesso di amarmi». Cosí si apre questo romanzo, in cui Milo, sposato con Nadia da quindici anni, si è accorto che lei non lo desidera piú: non lo guarda, non lo ascolta, non condivide quasi nulla di sé. Sembra essersi spenta. Come a volte capita nelle coppie, resta con lui per inerzia, per dipendenza, o per paura. Quanti si arrendono all’idea che il matrimonio non possa diventare che questo? Milo no, non si arrende. Continua ad amare perdutamente sua moglie, e non sopporta di non ritrovare piú nei suoi occhi la ragazza che aveva conosciuto. Vorrebbe che fosse ancora innamorata, curiosa, vitale, semplicemente perché lei se lo merita. Ecco perché un giorno le scrive fingendosi un altro. Inaspettatamente, lei gli risponde, dando inizio a una corrispondenza segreta. In quelle lettere, sempre piú fitte e intense, entrambi si rivelano come mai prima. Pian piano Milo vede Nadia riaccendersi, ed è felice, ma anche geloso. Capisce di essere in trappola. Come può salvarsi, se si è trasformato nel suo stesso avversario?

3) A proposito di niente – Woody Allen

Allen racconta dei suoi primi matrimoni, con una fiamma della giovinezza e poi con l’amata e divertente Louise Lasser, che evidentemente adora ancora. Racconta anche della sua storia e dell’amicizia eterna con Diane Keaton. Descrive la sua relazione personale e professionale con Mia Farrow, che ha dato vita a film divenuti classici fino alla loro burrascosa rottura, per la quale l’industria dei tabloid ancora li ringrazia. Afferma di essere stato il più sorpreso di tutti quando a 56 anni è iniziata una relazione romantica con la ventunenne Soon-Yi Previn, diventata una storia d’amore appassionata e un matrimonio felice che dura da oltre ventidue anni. Ironico, pienamente sincero, pieno di guizzi creativi e non poca confusione, un’icona della cultura mondiale racconta, non richiesto, la propria storia.

4) I valori che contano (avrei preferito non scoprirli) – Diego De Silva

Se non vi è mai successo di nascondere in casa una ragazza in mutande appena fuggita da una retata in un bordello al quarto piano del vostro palazzo, non siete il tipo di persona a cui capitano queste cose. Vincenzo Malinconico lo è. Dovrebbe sapere che corre un rischio bello serio, visto che è avvocato, e invece la fa entrare e poi racconta pure un sacco di balle al carabiniere che la inseguiva e va a bussargli alla porta. E così che inizia “I valori che contano (avrei preferito non scoprirli)”, il romanzo in cui Malinconico – avvocato di gemito, più che di grido – oltre a patrocinare la fuggiasca in mutande (che poi scopriremo essere figlia del sindaco, con una serie di complicazioni piuttosto vertiginose), dovrà affrontare la malattia che lo travolgerà all’improvviso, obbligandolo a familiarizzare con medici e terapie e scatenandogli un’iperproduzione di filosofeggiamenti gratuiti – addirittura sensati, direbbe chi va a cena con lui – sul valore della pena di vivere. Un vortice di pensieri da cui uscirà, al solito, semi-guarito, semi-vincente e semi-felice, ricomponendo intorno a sé quell’assetto ordinariamente precario che fa di lui, con tutti i suoi difetti e le sue inettitudini, una persona che sa farsi voler bene, pur essendo (o forse proprio perché è) un uomo così così.

 

5) Non superare dosi consigliate – Costanza Rizzacasa D’Orsogna

«Non c’è un problema che un farmaco non curi, mamma lo dice sempre. A casa nostra non si parla, si prendono medicine. Così lei mi dà il Dulcolax ogni sera perché sono una bambina grassa. Due compresse, quattro, otto. E io non so che legame ci sia tra il Dulcolax e una bambina grassa, visto che non dimagrisco…» C’è un peso che non si può perdere, anche quando l’hai perso tutto. Matilde lo sa: la mamma, bulimica, passa le giornate a vomitare; lei ha cominciato a ingrassare quando aveva sei anni ed è affamata da una vita. A scuola elemosina biscotti, a casa ruba il pane, e intanto sogna che le taglino la mano. Ottanta chili a sedici anni, a diciotto quarantotto; Matilde va in America a studiare, splende, ma la fame e la paura le vengono dietro. Finché, dopo la morte della madre, il tracollo finanziario del padre e una relazione violenta, supera i centotrenta chili. E quando esce, c’è sempre qualcuno che la guarda con disprezzo. Allora Matilde si chiude in casa per tre anni, e sui social si finge normale. Ma che vuol dire normale? Un romanzo crudo e potente tra due lingue e due culture, tra gli anni Settanta e oggi. Un libro vorticoso tra perfezionismo, autolesionismo, menzogna e dipendenze.1 I valori che contano (avrei preferito non scoprirli).

Per saperne di più, seguiteci su www.runradio.it e sulle nostre pagine social FacebookInstagram

« Pagina precedentePagina Successiva »