Il luogo

R.U.N. Radio è situata all’interno nella parte del complesso dei Padri Missionari Vincenziani utilizzata dall’ Università Suor Orsola Benincasa. Il complesso era, in origine, la villa rurale del magistrato Scipione de Curtis, acquistata nel 1619 dagli Agostiniani Scalzi di Santa Maria della Verità, che incaricano l’architetto Giovan Giacomo di Conforto di trasformarla in un convento.

In un primo momento il convento agostiniano mantenne la forma della villa di de Curtis, un fabbricato a due piani di forma quadrangolare, dal belvedere dotato di grandi aperture ad arco affacciate sul panorama. In seguito gli archi furono chiusi per ricavarne un nuovo piano e alcuni decenni dopo l’edificio fu soprelevato di un altro livello. Dopo la rovinosa eruzione del Vesuvio del 1631, che costrinse i frati a spostarsi da Resina, vi si trasferì il noviziato dell’ordine e l’intero complesso ebbe un notevole sviluppo, prima di essere evacuato nel decennio francese per l’espulsione dei frati. In quegli anni si provvide all’ampliamento della casa acquistando alcuni immobili adiacenti e aggiungendo allo stabile originario un altro piano, murando le aperture della terrazza, sacrificata per costruire le nuove celle. Dopo la soppressione dell’Ordine, nel 1809 e il concordato del 1818 il complesso fu affidato ai Certosini di San Martino e, nel 1836, fu acquistata dai Missionari della Congregazione di San Vincenzo de’ Paoli (Vincenziani).

Tra gli interventi architettonici (e urbanistici) più significativi effettuati dai Vincenziani sull’intero complesso, va segnalata la scalinata a doppia rampa «con parapetti di fabbrica e cartocci di piperno», costruita davanti all’ingresso del convento alla fine del Settecento.

Salendo questa scala, al primo piano del complesso si trova R.U.N. Radio, struttura dotata di nuovissime tecnologie: un pezzo di futuro con le radici nel passato.

Potete raggiungerci da via San Nicola da Tolentino, dall’ingresso in via Suor Orsola 10 o dall’interno della Sede Centrale dell’ateneo. Una volta raggiunto il, seguite le indicazioni per Run Radio. Salendo al primo piano del Complesso dei Vincenziani, non potrete non notare l’ingresso della radio grazie a  RunBot, regalo degli alunni del Liceo D’Arte, guardiano delle nostre cabine radio.

Qui, sorvegliati attentamente dal nostro station manager, lavoriamo tutti i giorni nella radio più panoramica del mondo e, nelle pause, ce ne stiamo al sole, di fronte al mare…

 

 

…Ma, se volete vederci in movimento: